Carrello
Totale:
0,00
Guarda/Modifica ordine
Checkout

LIVING ART

a cura di Nartist e Gruppo Doimo, con la collaborazione di Studio d’arte Cannaviello e Inward
@ Salone Internazionale del Mobile – Milano
22/3 – 9/04 2017

Nartist apre le finestre sul mondo dell’ARTE. Un nuovo concetto di valore verso il mecenatismo collaborativo. Un concept innovativo basato su un brevetto internazionale e sull’interazione tra artisti, imprese, istituzioni e terzo settore. Nartist aiuta le aziende di eccellenza del Made in Italy, a dare ai loro prodotti e servizi un valore artistico, culturale e sociale, utilizzando come boost estetico e funzionale una Tela.

LA MOSTRA

Il connubio fra Nartist e il gruppo Doimo viene presentato per la prima volta in occasione del Salone Internazionale del Mobile di Milano 2017 con una collezione di complementi d’arredo arricchiti da preziose opere su tele Nartist.

A curare la parte artistica una galleria che ha fatto la storia dell’arte in Italia, lo Studio d’arte di Enzo Cannaviello, che ha proposto per Nartist opere di grandi artisti come Umberto Chiodi, Paolo Pibi e Irene Balia, inserite in divani, madie, poltrone, librerie e ante scorrevoli. L’evento di presentazione a Villa Necchi Campiglio (22 marzo) e la mostra per il FuoriSalone alla Galleria Seno, nel cuore del Brera design district (5 aprile), sono organizzati in collaborazione con Inward, l’osservatorio sulla creatività urbana, che ha coinvolto nel progetto alcuni importanti street artist.

Nartist presenta così le opportunità culturali e commerciali del progetto nato per avvicinare l’arte alla quotidianità attraverso la condivisione di segni ed emozioni che si traducono in Prodotti d’autore unici. Al Salone del Mobile del 2017 Nartist presenta la sua progettualità rivoluzionaria che, grazie al brevetto d’invenzione registrato, incontra l’apprezzamento e la condivisione di molti soggetti importanti fra cui Doimo, partner nel settore arredo, e Inward e lo Studio d’arte Cannaviello, partner istituzionali e culturali.

Nartist mette in campo un vero e proprio esperimento di marketing 4.0: collaborativo, culturale e sociale, esperenziale e interattivo, a sostegno dell’Arte Contemporanea.