Frammentare l’arte e generare valore

Gianfranco Nicastri è un consulente aziendale visionario con un’esperienza trentennale nell’ambito della consulenza aziendale. Nel suo percorso di ristrutturazioni e piani di sviluppo strategici per la gestione delle problematiche di aziende in difficoltà, ha modo di sperimentare il lato più emozionale ed esperienziale del marketing e del commercio, inserendo elementi filosofici e psicologici nel suo concetto di economia.
‘Nel mezzo del cammin della sua vita’ incontra l’arte, ne riconosce immediatamente l’importanza vitale, antica e contemporanea, e ne beneficia a livello fisico, emotivo e spirituale. Così decide di dedicarsi totalmente al suo sogno, Nartist, un sistema che genera valore condiviso.

L’IDEA
L’idea nasce a casa di un amico artista che chiede a Gianfranco delle idee per recuperare fondi per poter aprire una scuola d’arte, come le antiche botteghe rinascimentali. Gianfranco ci riflette a lungo fino a pensare che un dipinto può essere venduto anche in frammenti d’arte. Suggerisce, allora, all’amico la soluzione di iniziare a fare economia realizzando una grande opera d’arte, magari aiutato dagli studenti del liceo artistico e dagli allievi già espressamente interessati alla sua idea di bottega, e di trovare acquirenti per i diversi frammenti. Il grande dipinto riscuote un considerevole successo.

La prima T-shirt Nartist

La realizzazione del sistema

Nartist è un  sistema che genera valore  grazie alla speciale tela che diffonde i principi di  mecenatismo collaborativo  e promuove un nuovo Rinascimento facendo interagire istituzioni, aziende e cittadini per creare un modello di bellezza che sostiene l’arte, la cultura più in generale, gli artisti, ma anche il terzo settore.

LA TELA
La tela Nartist  è un supporto di piccole dimensioni che possiede potenzialità inesauribili, in progress, e il cui valore, a sua volta, si incrementa attraverso le iniziative di cui Nartist si fa promotore in un’ottica attenta al contesto di riferimento.
Nel corso del tempo la tela, 9,5 x 6 cm, in materiale di altissima qualità, filatura stretta e raffinata, è diventata il cuore della filosofia Nartist, elemento che racchiude al suo interno i valori della sua progettualità, il messaggio e le competenze del suo team.
La tela, attivando il sistema Nartist, trasforma l’imprenditore in moderno mecenate e avvicina il cittadino all’arte. Nartist oggi apre finestre d’arte aperte sul mondo.

Gianfranco Nicastri presenta Nartist alla Camera Nazionale della Moda con il cav. Mario Boselli e il gallerista Enzo Cannaviello
DSC_5976 — 4

Il sogno

A seguito di questo evento, la vita di Gianfranco cambia. Pensa solo a come ripetere questa esperienza eccezionale che ha donato arte a tanti, e magari trasferirla nel quotidiano. Le idee affollano la sua mente, fino ad un avvenimento straordinario. Rientrando a casa, stanco e provato dal suo lavoro che non gli dà più la gioia di un tempo, va a riposare. Così sogna sé stesso nell’intento di creare una finestra su una T-shirt, nella quale inserire una tela dalle piccole dimensioni e dalla forma ottagonale allungata.

LA FINESTRA SI APRE
I giorni seguenti passano fra mille tentativi ed errori, inseguendo ciò che aveva sognato. Poi la finestra si apre, perfetta, e lascia entrare una luce sfolgorante, la luce dell’arte da vivere come esperienza quotidiana.
In pochi anni il sogno è diventato realtà e Nartist oggi avvicina all’arte un ampio pubblico, riempie di valore l’esperienza di acquisto, crea relazioni e interazioni fra mondi differenti, per secoli lontani fra loro. Pubblico e privato, arte ed economia, didattica e creatività, gioco e collaborazione.

DSC_6054 — копия

I primi a crederci

Il battesimo di Nartist è avvenuto presso la prestigiosa sede della Camera Nazionale della Moda, Milano, alla presenza de cav. Mario Boselli, già presidente della CNMI, e il prof. Enzo Cannaviello, noto gallerista che da oltre 50 anni è in prima linea nella ricerca artistica di elementi di novità e originalità. Così Gianfranco presenta al pubblico italiano la prima capsule collection di Nartist, marchio protetto da brevetto d’invenzione internazionale che permette di indossare un’opera d’arte contemporanea beneficiandone dal punto di vista emotivo, fisico e spirituale.

Uno dei primi obiettivi che Gianfranco si è posto con Nartist, infatti, è quello di unire il mondo dell’arte a quello della moda e del design in modo originale, consentendo di vivere l’arte come esperienza quotidiana. Boselli e Cannaviello sono stati fra i primi a credere nelle potenzialità del progetto e hanno accompagnato Gianfranco sui primi passi.

Nartist oggi: da un'economia di consumo all'economia del valore

Le successive tappe, i continui riscontri e successi, hanno convinto sempre più Gianfranco e il team di esperti costruito negli anni che il sistema rappresenta un innovativo ed efficace strumento per avvicinare l’arte, la bellezza e i valori della collaborazione alla vita di tutti. E oggi più che mai ce n’è urgenza.

Oggi Nartist ha superato grandemente il Prodotto d’Autore e si pone a capo di una vera e propria rivoluzione etica, artistica ed economica. Nartist è il sistema che integra stile e culture di diversi Paesi attraverso il coinvolgimento di artisti da tutto il mondo. Nartist è il sistema che sostiene progetti sociali attraverso l’arte. Nartist è il sistema che offre reali opportunità di visibilità, notorietà e reputazione ad aziende, istituzioni, professionisti, artisti e cittadini, unendoli nel principio del mecenatismo collaborativo. Nartist è il sistema che oggi CREA VALORE CONDIVISO.